Get Your Premium Membership

Ad Amore, IV

Beatrice: Tu miri a la funestia de l'austeria commistion de l'invidia e d'acerbe quando crescer non vive e pur ingeria: principia sono falde e non riserbe, scienza che non impozza ma s'intenda innesta a la puerizia unìce berbe; così l'amplesso de' sofismi addenda a 'l mondo la piètra ancora e rude, e non liquor ch'accidia disincenda. O altrove negasi qüelle drude artefatte sentenze sanza cura d'esser venène se non crude? Ed esse cinte d'ingloriose mura inspazia lo su' autor ne l'avvenire non come munificio ma 'n usura; per ciò che 'l suo miasma 'ntende aulire intorno al pensier suo immaturo e marcio, e assuono di sua sorditate benedire. Ioàn: In nome de la tua spada disquarcio onne mia dedizione pria diletta se no da mia equità meco disarcio: name mi sono appreso intra la letta in che lo flume de 'l discorso rade d'aver d'una rugiada l'aude umetta; (Lat.absisto)astito da le mie false contrade i' vegno a 'l primo freddo de 'l mattino e sì novella possa mi pervade! Beatrice: Ricorditi virtute è 'l tuo confino ma 'n ella libertate a te è plenaria e teco suggellar non può 'l destino. Allora fa': di molte isquame acquaria il laco de 'l tuo cuore mai diverso d' amor che tutto 'nvita e seco invaria e fé l'oceano sempre limpio e terso.

Copyright © | Year Posted 2015




Post Comments

Poetrysoup is an environment of encouragement and growth so only provide specific positive comments that indicate what you appreciate about the poem.

Please Login to post a comment

A comment has not been posted for this poem. Encourage a poet by being the first to comment.