Get Your Premium Membership

Ad Amore, III

Beatrice: Riguardi verso l'omorose some che alma ea portando e antitìpe ne 'l loro esser oltraggio oltre l'addome. Name 'ntelletto quivi arripe ne la forma che vero 'l pari liga per che solo l'aborto si concipe: se diva terra aùrea e tu'l dispiga temprar non dèi le pugna 'n sul tuo petto s'appresso né incanala né s'irriga; aliter se sì fosse amore infetto indarno 'l serto suo saria ricerca e daterebbe 'l suo natal difetto; ma inver dissenna quei che merca contra natura la pienezza buona, mai da 'l neente ne 'l crear soverca; e l'alta possa cree per sé detrona lenocinando seco sua superbia e ragione no 'l guida ma fandona. Colui avvalla da te nel diverbia vocato da lo Spirto paraclito: ch' in un spirìa ed empio annerbia. Non molcia 'l tuo giudizio 'l sol candito, ch'anco ad amaro 'nsieme inorcia il saccaro, e dispiace quando adìto. Ioàn : Madonna ad orizzonte meco scorcia ceruleo ondar che 'n ciel s'ammuta, però di' se traligno o pur m' attorcia. Nessun limite diere quel ch'imbruta, nel vizio l'alma o de le membra 'n lena: come che sia da urano distatuta. Ne la crisale eruca sempre insena ma nobis umiltate amor fenicia l'ala per che non l'abbia di falena. Funesta quella prole che ne 'nficia con l'atto suo de l' unimento l'ubèrta de 'l terren con edificia: con lor moneta conia 'l tradimento inver de la beltà e 'nver de 'l gioco e non conoscon frutto ma cemento; ma per chi ne l' affetti è tanto roco niuna compassione 'l refrigeria e puote ben caldarsi ne 'l suo loco.

Copyright © | Year Posted 2015




Post Comments

Poetrysoup is an environment of encouragement and growth so only provide specific positive comments that indicate what you appreciate about the poem.

Please Login to post a comment

A comment has not been posted for this poem. Encourage a poet by being the first to comment.